Navigation

Casi recenti
INCIDENTI STRADALI

 

Incidente stradale, distrutta un’intera famiglia

19 Maggio 2013. Un’intera famiglia – padre, madre e due bambine piccole – è morta in un incidente stradale a Camposanto, nel Modenese. Era a bordo di una Peugeot 107 che si è scontrata verso le 20 con una Volkswagen Golf sulla strada Panaria, tra il paese e la frazione Cadecoppi.

L’IMPATTO - Dopo l’urto violentissimo, la vettura con la famiglia è finita in un campo a lato della strada. Il 118 ha provato a rianimare i feriti ma invano. In tarda serata sono state diffuse solo le iniziali: J.C.M., 31 anni, la compagna D.M., 28, e le loro due figlie piccole di tre anni e mezzo e un anno e mezzo. La famiglia, italiana, abitava a Finale Emilia, uno dei paese devastati un anno fa, il 20 maggio 2012, dallo sciame sismico che ha fatto 28 morti. Servirà un’analisi approfondita per chiarire le cause dell’incidente, avvenuto all’altezza di una semicurva. Sotto choc, ma sostanzialmente senza conseguenze, la donna che guidava l’altra vettura coinvolta, una Volkswagen Golf. Il fragore dell’ impatto è stato udito in un vicino ristorante, tanto che diverse persone sono uscite per capire cosa fosse. Due delle quattro vittime erano state sbalzate dall’abitacolo dell’utilitaria.

NEL SALERNITANO - Un altro grave incidente automobilistico si è verificato nel salernitano all’alba. Guidava ubriaco il conducente del Suv che ha travolto l’automobile su cui viaggiavano zio e nipote di 15 anni, originari di Tramonti, deceduti nel violento impatto. L’incidente è avvenuto sull’autostrada A3 nei pressi dello svincolo di Montecorvino Pugliano. A provocare il sinistro mortale è stato un ebolitano di 23 anni, Luigi B., piombato col suo Suv Kia sulla Fiat 600 che trasportata Salvatore e Gianluca Buonocore, di 50 e 15 anni, morti sul colpo. ( Fonte CORRIERE DELLA SERA.it )

Sei rimasto vittima di un incidente stradale? Consulta qui la nostra sezione dedicata

Se desideri parlare con un nostro consulente,  chiamaci , compila il nostro modulo online o attiva  la nostra chat di assistenzaVerrai contattato in poco tempo.

 

 

Roma, muore in incidente Lynch giocatore di rugby della capitale

ROMA – La scorsa notte Brendan Patrick Lynch, giocatore di rugby della squadra Rugby capitolina, è morto in un incidente stradale sul Grande Raccordo Anulare. Il giovane, inglese, 27 anni, verso la mezzanotte era a bordo di una Honda Sh300, quando all’altezza dell’innesto dell’A-24, Roma-L’Aquila, sulla corsia esterna laterale, ha avuto un incidente stradale con un altro mezzo che però non si è fermato. La polizia stradale di Settebagni deve accertare se si tratti di un’auto pirata o se il mezzo, forse un camion, abbia urtato lo scooter senza accorgersi dell’incidente. Al momento risulta evidente che lo scooter sia stato colpito da un altro mezzo. Il sito della Rugby capitolina lo ricorda con una foto in home page. «Ciao Brendan… Questa notte è morto in un incidente stradale Brendan P. Lynch socio del club e giocatore della prima squadra dell’Unione Rugby Capitolina – si legge sull’home page -. La Capitolina ha deciso che tutte le attività sportive saranno oggi sospese in ricordo di Brendan». Al cordoglio della Capitolina si unisce quello delle Fiamme Oro, la squadra della Polizia di Stato che attualmente milita nel campionato di Eccellenza e di cui in passato Lynch ha fatto parte. «La dirigenza, lo staff e tutti i giocatori delle Fiamme Oro Rugby si uniscono in un unico abbraccio intorno alla famiglia e ai compagni di squadra di Brendan», è scritto in una notta diffusa dalle Fiamme Oro. Brendan era cresciuto nei Rotherham Titans, ha rappresentato l’Irlanda Under 19. Ha giocato anche con i Belfast Harlequins e in Celtic League. Era ora uno dei punti di forza della prima linea dell’Unione Rugby Capitolina. ( Fonte Il Messaggero.it

Sei rimasto vittima di un incidente stradale ? Consulta qui la nostra sezione dedicata

 Se desideri parlare con un nostro consulente,  chiamaci , compila il nostro modulo online o attiva  la nostra chat di assistenza.   Verrai contattato in poco tempo.

 

24 e 25, giornate nere sulle strade: 13 vittime

Giornate nere quelle della vigilia e del Natale sul fronte degli incidenti stradali: 13 le vittime registrate. Il più grave lunedì alle porte di Campobasso. In uno scontro frontale è morta un’intera famiglia: padre (40 anni), madre (33) e la figlia di sei anni. A La Verza, vicino a Piacenza, due fratelli di 19 e 21 anni sono morti la notte di Natale schiantandosi con la loro auto, una Fiat Bravo, contro il muro di una casa sulla statale 45 a La Verza (Piacenza), a poca distanza dalla loro abitazione dove stavano rientrando, preceduti da un’auto di amici. È accaduto poco dopo le 24. Il più giovane, D.A., è morto sul colpo, l’altro, C.A.A., è deceduto poche ore dopo il ricovero all’ospedale. Sono intervenuti i medici del 118, vigili del fuoco e polizia stradale.

TRAGEDIA AD ANCONA - Ad Ancona invece una giovane ha travolto e ucciso un uomo di 79 anni la sera di Natale. Poi, sotto choc, si è allontanata abbandonando sul posto la propria auto ed è scomparsa nel nulla. Solo dopo parecchie ore la giovane, sotto choc, è stata rintracciata a casa dei genitori. L’incidente mortale è accaduto a Numana (Ancona) . La ragazza di Ancona, M.L. si è trovata davanti l’anziano all’uscita da una curva, poco prima del complesso turistico Santa Cristiana: l’uomo è stato scaraventato a terra dalla vettura ed è morto sul colpo.

QUATTRO MORTI NEL LECCESE - Nel leccese quattro le vittime di due distinti incidenti avvenuti la notte scorsa. Vicino a Corigliano d’Otranto, in uno scontro frontale, sono deceduti due anziani coniugi di 85 e 81 anni. Tra Giuggianello e Minervino di Lecce hanno invece perso la vita giovani, di 20 e 21 anni, che erano a bordo di una Jaguar schiantatasi contro un albero dopo aver centrato un muretto ed essersi ribaltata. Un loro coetaneo è rimasto gravemente ferito. Alla Vigilia un automobilista di 80 anni è morto nel territorio di Zola Predosa (Bologna) dopo che la vettura su cui viaggiava si è scontrata con un mezzo pesante nei pressi dello svicolo per l’immissione sull’asse attrezzato che porta a Bologna.

INVESTITO E UCCISO UN CAMIONISTA - Ancora la vigilia di Natale un automobilista alla guida di un furgone sull’autostrada Milano-Venezia – tra i caselli di Soave e Montebello Vicentino, all’altezza di San Bonifacio (Verona) – ha investito ed ucciso il conducente di un autocarro, Severino Zenegaglia di 62 anni, che era stato sbalzato fuori dal suo mezzo durante un incidente. Nella serata di lunedì un uomo di 37 anni è morto dopo che l’auto sulla quale viaggiava è stata coinvolta in un tamponamento a catena sulla via Ostiense a Roma. Infine, la scorsa notte ad Olmedo (Sassari) è morto un automobilista, Antonio Catta, di 55 anni. Secondo i primi accertamenti avrebbe perso il controllo dell’auto andando ad urtare violentemente sulla barriera metallica ed è stato sbalzato fuori dall’abitacolo.  ( Fonte CORRIERE DELLA SERA.it 25/12/2012)

Sei rimasto vittima di un incidente stradale ? Consulta qui la nostra sezione dedicata

 Se desideri parlare con un nostro consulente,  chiamaci , compila il nostro modulo online o attiva  la nostra chat di assistenza.   Verrai contattato in poco tempo.

 

 

Napoli, in auto a velocità folle, muore ragazza di venti anni

NAPOLI (24 maggio 2010) – Una ragazza di 20 anni, B.A., è morta in un incidente stradale in via Gerardo Chiaromonte, nel quartiere di Barra, sbalzata fuori dal lato passeggeri dell’auto sulla quale si trovava. All’altezza della locale stazione della Circumvesuviana, la Fiat Palio guidata da un’amica con a bordo le due giovani si è capovolta.

Dai primi rilievi effettuati dagli agenti della sezione Infortunistica stradale della Polizia municipale di Napoli, diretta dal tenente Antonio Muriano, è emerso che il veicolo, guidato da S.C., di 20 anni, procedeva ad alta velocità, al punto che S.C. ha perso il controllo del veicolo che si è ribaltato più volte.
L’incidente ha causato la morte della passeggera, finita in terra dopo essere stata sbalzata fuori dal finestrino.
Ricoverata all’ospedale Loreto Mare, la conducente ha riportato ferite guaribili in sette giorni, mentre l’amica è morta durante il trasporto al nosocomio. ( Fonte IL MATTINO.IT)

Sei rimasto vittima di un incidente stradale ? Consulta qui la nostra sezione dedicata

 Se desideri parlare con un nostro consulente,  chiamaci , compila il nostro modulo online o attiva  la nostra chat di assistenza  Verrai contattato in poco tempo.

No comments so far!
Leave a Comment