Navigation

Metodi alternativi
Mediazione-Familiare-pandino2
MEDIAZIONE FAMILIARE

Le separazioni e i divorzi sono un fenomeno sempre più in aumento anche in Italia. Molte sono le cause che possono far decidere ad una coppia di separarsi e ancora più numerose sono le conseguenze che la separazione porta nell’ambito familiare, particolarmente sui figli.

Le coppie in procinto di separarsi si trovano disorientate, e nella maggior parte dei casi non sanno a chi rivolgersi, a chi chiedere aiuto. In questa importante fase  può risultare  molto utile la mediazione familiare.

Che cos’ è la mediazione familiare?

La pratica della mediazione familiare, si è sviluppata agli inizi degli anni ’80 negli Stati Uniti e in Canada mentre è arrivata in Europa solo dieci anni dopo, ed oggi è molto diffusa anche in Italia.

 

La mediazione familiare è un percorso d’aiuto alla famiglia prima, durante e dopo la separazione e il divorzio, che consente ai coniugi in crisi di elaborare un progetto di riorganizzazione delle relazioni tra i membri della famiglia.

Il suo scopo principale è quello di far incontrare i coniugi in conflitto in un ambiente neutrale, alla presenza di un soggetto terzo ed imparziale, il mediatore, che ha il compito di ripristinare il dialogo interrotto dal conflitto tra le parti, in modo da condurle ad elaborare  un programma di separazione o divorzio soddisfacente per sé e per i figli, in cui possono esercitare la comune responsabilità genitoriale.

Infatti, il percorso di mediazione mira a promuovere la responsabilità genitoriale e la continuità degli affetti familiari, responsabilizzando i coniugi e mettendoli in condizione di adottare, in modo autonomo, le decisioni per riorganizzare la propria vita futura da separati.

 Chi è il mediatore familiare?

Il mediatore familiare è un esperto nella gestione dei conflitti. Il suo scopo è quello di facilitare la comunicazione interrotta dal conflitto  tra i coniugi,  per favorire la ricerca di accordi spontanei. Egli deve limitarsi a incoraggiare forme di collaborazione, stimolando i coniugi nell’analisi di soluzioni il più vicine possibile ai bisogni della famiglia a seguito della separazione. L’intento del mediatore è quello di creare un clima positivo e idoneo alla collaborazione, per sostenere ciascun partner nella ridefinizione della propria identità personale e nella negoziazione delle problematiche relative alla separazione, affinché essa avvenga nel modo più sereno possibile. Infatti, solo se i coniugi riusciranno a giungere alla stipula di accordi che rispettino gli interessi di entrambi, tali accordi avranno la possibilità di resistere nel tempo.

 I temi più frequenti affrontati con la mediazione familiare

I temi che vengono affrontati con la mediazione familiare, in modo orientativo, riguardano l’affidamento e l’educazione dei figli, i tempi e le modalità di visita con l’altro genitore e con i nonni, l’organizzazione durante i periodi di festa e di vacanza, l’assegnazione della casa coniugale, l’assegno di mantenimento e la divisione dei beni.

Per una coppia che si separa, temi particolarmente difficili da affrontare sono la casa e il denaro che possono assumere significati e rilievo profondamente diversi indipendentemente dal valore economico in gioco. Per questo è importante l’aiuto di un mediatore che possa facilitare accordi per i coniugi nel rispetto delle loro reciproche necessità.

Se stai considerando la possibilità di avviare una procedura di mediazione, chiamaci e uno dei nostri consulenti specializzati nel settore,  risponderà alle tue richieste. In alternativa, puoi compilare il nostro modulo online o attivare la nostra chat di assistenza.  Sarai immediatamente contattato.

Anche le consulenze, come i nostri servizi, sono  gratuiti, ma il consiglio potrebbe essere di inestimabile valore.

No comments so far!
Leave a Comment